Come Preparare Risotto ai Quattro Formaggi

La ricetta del risotto ai quattro formaggi è una ricetta molto gustosa ma anche molto semplice, anche se abbastanza calorico: infatti te lo consiglio come piatto unico. Dovrai solamente seguire queste semplici indicazione per prepararne uno eccellente.

Occorrente
1 cipolla
70 g di burro
350 g di riso
Farina (fac.)
Brodo di dado
50 g di fontina
50 g di emmenthal
50 g di bel paese
50 g di parmigiano grattugiato
Latte

Taglia la cipolla finemente e falla rosolare in padella con del burro senza, però, farla bruciare. Aggiungi poi il riso e fallo tostare, aggiungendo, man mano che il riso si asciuga, il brodo che avrai preparato col dado vegetale, ben caldo.
Intanto taglia a pezzetti i formaggi e poi aggiungili al riso.

Mescola bene tutti i quattro formaggi, tenendo il parmigiano grattugiato per ultimo; aspetta che il tutto si raffreddi un po’ e servi.
In alternativa, puoi cuocere il riso lessandolo e, poi, versando in seguito i vari formaggi; potrai anche decidere di cambiare questi formaggi, mettendone degli altri.

Una terza alternativa è quella di preparare la besciamella intanto che il riso cuoce. Fai allora sciogliere il burro, aggiungi la farina, sale e poi metti, poco per volta, il latte. Fai cuocere per 5 minuti e mescola per non far creare i grumi.
Unisci la besciamella ai formaggi e poi al riso e metti tutto in forno preriscaldato a 170° per 10 minuti.

Come Preparare il Risotto ai Frutti di Mare

Esistono diversi modi di ottenere un piatto con pochi grassi, aggiungendone pochi o addirittura niente. Ricorda che se vuoi limitare l’assunzione di grassi, non devi ingerire più di 30-40 g di grassi al giorno (30 per le donne e 40 per gli uomini). Risulta essere con questa regola molto chiara, che ho pensato di darti una ricetta leggera ma estremamente gustosa, con 5 grammi di grassi per porzione (le porzioni sono 4), un tempo di preparazione di 40 minuti e un tempo di cottura che varia dai 45 ai 50 minuti.

Occorrente
150 g di pesce bianco senza lische, come il pesce persico
8 cozze
8 gamberetti
1 gambo di sedano
1,75 litri di brodo
Olio da cucina spray
2 cipolle
2 spicchi d’aglio
440 g di riso arborio
2 cucchiai di prezzemolo
1 cucchiaio di origano
1 cucchiaio di timo
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano

Taglia il filetto di pesce a cubetti e lava bene le cozze, togliendo tutti gli scarti. Adesso pulisci i molluschi che non sono completamente chiusi e togli il guscio e il filetto nero dai gamberetti. Fino a quando i molluschi non ti serviranno, devi metterli in frigo. Nel frattempo prendi una pentola, gli metti il brodo e porta in ebollizione, poi abbassa la fiamma e lascia sobbollire. Comincia ad ungere una padella antiaderente con l’olio spray e fai scaldare a fuoco medio.

Aggiungi la cipolla, l’aglio e il sedano e fai cuocere per 2-3 minuti. Metti anche 2 cucchiai d’acqua, copri e fai cuocere per 5 minuti. Aggiungi il riso ed altri 2 cucchiai d’acqua; copri e continua a cuocere per 3-4 minuti. Adesso aggiungi a poco a poco 125 ml di brodo caldo nel riso e mescola continuamente con un cucchiaio di legno. Lascia la fiamma bassa finchè il brodo non si è assorbito e continua con lo stesso procedimento ogni volta che il brodo è quasi assorbito, fino a quando il riso non è cotto.

Nel frattempo fai bollire un po’ d’acqua, cuoci le cozze per 3 minuti a fuoco lento e coperte. Poi controlla che si siano aperte tutte, devi scolarle e getta via quelle non aperte. Aggiungi il pesce e i gamberetti al riso e all’ultimo brodo che hai preparato. Mescola bene e continua la cottura per 5-10 minuti finchè i molluschi non sono cotti ed il riso diventa cremoso. Togli dal fuoco, aggiungi le cozze, copri e lascia riposare per 5 minuti. Infine aggiungi il Parmigiano e le erbe aromatiche; mescola bene e regola di sale e pepe. Puoi servire subito.

Come Preparare Carciofi Fritti

Risulta essere noto che i carciofi siano ottimi cucinati in tutti i modi ma con questa guida vi presenterò una ricetta semplice che soddisferà il palato anche delle persone più esigenti. I carciofi possono costituire non solo un buon antipasto ma anche un secondo nutriente di verdura o un contorno.

Occorrente
Carciofi
un uovo intero
Pane grattugiato
Formaggio grattugiato
Sale
Pepe
Prosciutto crudo o speck
Due limoni

Prendi tre o quattro carciofi, togli le foglie esterne e conserva solo i cuori del carciofo con attaccato un pezzo di gambo lungo due o tre centimetri.
Sbuccia il gambo con un coltello partendo dalla base del carciofo e andando verso la fine del gambo stesso.
Poggia i cuori di carciofo su un tagliere e tagliali prima a metà e poi in quarti.

Mentre tagli i carciofi metti i cuori in acqua e limone, preparata in precedenza, altrimenti si faranno neri.
Sbatti un uovo intero con una forchetta e spremici dentro il succo di un limone, sbatti ancora.
Prepara in un’altra ciotola un composto utilizzando il pane grattato, il formaggio grattugiato, metti il sale e il pepe.

Asciuga i cuori di carciofo con carta cucina o con un panno perfettamente pulito.
Prepara una padella con olio di semi preferibilmente di arachide o con dell’olio di oliva (consigliato).
Avvolgi ogni cuore con una fettina di prosciutto crudo o speck, passalo nel composto di pan grattato e formaggio e friggi in olio bollente fino a doratura dei cuori che vanno girati e rigirati per diventare dorati.

Come Preparare i Carciofi con la Panna

Risulta essere un contorno veramente stupendo e delizioso. Risulta essere ottimo per accompagnare delle fettine di carne, sia carni rosse che bianche, arrosti e carni particolarmente pregiate. Risulta essere semplice da preparare e risulta un ottimo contorno per qualsiasi secondo piatto di carne.

Occorrente
4 carciofi teneri
20 gr di burro
200 gr di panna
Il succo di un limone
1 mazzetto di prezzemolo
Sale

Prendi i carciofi e puliscili molto bene, utilizza anche i gambi che risultano essere molto teneri e gustosi. Dopo averli puliti con cura, tagliali in quattro parti ed elimina accuratamente, prestando molta attenzione a non pungerti, sia le spine presenti sulle fogli esterne sia la peluria interna.

Prendi una terrina e metti mezzo litro d’acqua. Aggiungi il succo di un limone. Taglia ogni quarto di carciofo a fettine molto sottili e affetta anche i gambi dopo averli pelati con cura. Metti i carciofi appena tagliati nella terrina contenente acqua e limone, in modo che i carciofi non diventino neri.

Prendi il burro e mettilo in un tegame. Scola i carciofi e mettili nella pentola con il burro. Metti il tutto sul fuoco a freddo. Fai rosolare I carciofi. Una volta rosolati aggiungi un pizzico di sale, la panna da cucina e il prezzemolo lavato e tritato. Fai cuocere il tutto per almeno 10 minuti e servi.

Come Preparare Cappelletti Modenesi

Guida per la preparazione di un ottimo primo piatto tipico delle zone di modena, la sua preparazione non richiede un’elevata capacità in cucina, ma un medio impegno ai fornelli, che sarà del tutto ripagato dal risultato. Per la preparazione e la cottura vi occorreranno 2 ore e 20 minuti, il tutto per 4 persone.

Occorrente
Per la pasta:
200 g di farina bianca
2 uova
Per la farcitura:
200 g di petto di pollo
50 g di prosciutto crudo
100 g di lonza
100 g di salsiccia
50 g di pancetta
30 g di burro
4 cucchiaiate di formaggio grana
1 uovo
Pangrattato
Noce moscata
Sale
Pepe
Per la cottura:
1 litro e 1/2 di brodo di carne
4 cucchiaiate di formaggio grana

Trita la pancetta e falla rosolare in un tegame assieme al burro. Quando si sarà sciolto il grasso, unisci il petto di pollo, la lonza e la salsiccia spellata e continua la rosolatura girando la carne affinché si colorisca da tutte le parti e si cuocia bene. A cottura ultimata scola la carne dal sugo di cottura e tienilo da parte.

Trita tutta la carne e il prosciutto, metti il ricavato in una terrina, unisci il formaggio grana grattugiato, un uovo intero, l’intingolo rimasto nel recipiente di cottura, un pizzico di noce moscata, pepe e sale. Mescola molto bene aggiungendo tanto pane grattugiato quanto basta per avere un composto non eccessivamente sodo; poi, usando la farina e le uova, prepara la pasta per i cappelletti.

Tira la sfoglia con il mattarello infarinato e ritagliala a quadratini di circa 7 centimetri di lato. Distribuisci un poco di ripieno su ogni quadratino, ripiega a triangolo e salda bene la pasta. Fai girare intorno all’indice le due punte inferiori del triangolo, spingendo verso l’alto la punta centrale, per conferire la classica forma ai cappelletti. Poco prima di pranzo poni sul fuoco il brodo, quando alzerà il bollore mettici i cappelletti, mescolali con delicatezza e lasciali cuocere. A cottura ultimata servili accompagnandoli con il grana.