Come Posare il Parquet con la Colla

Esistono differenti modi per posare il parquet: con chiodi, ad incastro, oppure, come nel caso di questa guida, con la colla. Se anche tu devi mettere il parquet e incollarlo sul vecchio pavimento ma non sai come fare, la seguente guida te lo spiegherà molto dettagliatamente.

La prima cosa che dovrai fare per incollare il parquet è comprare una colla che si adatti agli sbalzi di temperatura che il parquet subisce, soprattutto se sotto il pavimento corre l’impianto di riscaldamento; inoltre la colla deve essere resistente all’acqua.
Prima di incollare il parquet, assicurati che sia ben pulito.

Passa quindi l’aspirapolvere sopra e fai in modo che sia perfettamente asciutto e non umido.
Se il pavimento sottostante è composto da piastrelle molto lucide, dovrai renderle più porose: vanno trattate in modo adeguato per fare in modo che il parquet rimanga permanentemente incollato al pavimento.

Ti consiglio di comprare una colla che abbia la caratteristica di fonoassorbenza.
Il parquet, se bene incollato, può essere calpestato dopo 18 ore e levigato dopo 48-72 ore dalla posa in opera.
Fai molta attenzione inoltre a dove viene messo il parquet, in quanto, per esempio, i locali a piano terra o i seminterrati sono particolarmente umidi.

 

Come Posare il Laminato

Il laminato è ormai uno dei rivestimenti per pavimenti più utilizzato. Esteticamente assomiglia al parquet e grazie ad uno strato presente sotto la soletta del laminato, le sollecitazioni sono assorbite. La superficie non richiede una manutenzione particolare, non occorrono prodotti come la cera.

Occorrente
Matita
Ferro di tiraggio
Mazzetta
Sega
Squadra ad angolo retto
Metro
Battiscopa
Profili di passaggio
Laminato
Fogli per isolamento

In primo luogo si deve preparare il fondo. Se è presente della moquettes, rimuoverla completamente. Se invece è presente un fondo rigido come ad esempio piastrelle o pvc, bisogna assicurarsi che sia tutto in piano. Dislivelli che superano 3 mm devono essere levigati. Poi applica un foglio in PE.
Fai sovrapporre i fogli ed incollali nel punto di congiunzione e per evitare i rumori posa un isolamento in sughero.

Prima di cominciare il lavoro di posatura, lascia i pannelli confezionati stesi sul pavimento per un paio di giorni ad una temperatura media di 18 gradi se possibile. L’ideale sarebbe mantenere la stessa temperatura durante la messa in opera. Se sono presenti degli spigoli utilizza la squadra per tracciare le linee che dovrai tagliare con la sega. Gli spigoli da taglio devono essere rivolti verso la parete.

Quando posi i pannelli sfrutterai gli “incastri” presenti nei pannelli stessi come indicato nello schema sotto. Metti i pannelli più vicini possibili e per incastrarli a dovere sfrutta una mazzetta.
Spingi i pannelli contro la parete con il il ferro di tiraggio. Se si presentano dei gradini usa i profili angolari per scale che potrai posare tramite gli incastri dei binari. Per poi nascondere i passaggi da una pavimentazione all’altra usa i listelli che avviterai al pavimento

Come Posare Battiscopa in Ceramica

La posa dello zoccolino si può tranquillamente considerare come un’operazione del fai da te. La posa dello zoccolino viene solitamente fatta quando il pavimento è ultimato ed è solitamente alto 8-10 cm. Per poterlo posare senza problemi, puoi leggere la seguente guida.

Occorrente
Colla per piastrelle
Crocette in plastica
Martello
Silicone
Livella

La prima cosa che dovrai fare per posare il battiscopa in ceramica è di tagliare a metà delle piastrelle che ti sono rimaste del pavimento oppure piastrelle dello stesso colore.
Prima ancora, però, dovrai verificare che il pavimento non abbia imperfezioni, dossi o avvallamenti, altrimenti la posa del battiscopa verrebbe compromessa.

Prendi poi le varie piastrelle tagliate a metà e metti, ad una ad una, un pochino di colla per piastrelle e un pochino di silicone, per far aderire bene le piastrelle al muro.
Metti poi una leggera striscia di silicone anche tra piastrella e la parte rialzata del pavimento; non deve essere troppo spessa perchè altrimenti potrebbe fare rimanere il battiscopa inclinato.

Metti un pochino di colla bianca sulle piastrelle con la cazzuola e poi, con un martello di plastica, praticando una leggera pressione, fai aderire al muro.
Tra una piastrella e l’altra utilizza le crocette in plastica, per ottenere la stessa distanza le une dalle altre in modo da realizzare un rivestimento uniforme e uguale.
Durante l’operazione bisogna controllare l’allineamento orizzontale e verticale dei singoli listelli, servendosi della livella a bolla d’aria e del regolo o staggia.

Come Posare i Corsi di una Tramezza

La tramezza è una soluzione molto importante per la divisione dei locali in casa tua, inoltre ti permette di ottimizzare gli spazi. Ora, il procedimento per la posa dei corsi, richiede l’uso di alcune regole. Con questa guida potrai imparare ad eseguire questa operazione.

Occorrente
Mattoni forati
Cazzuola
Livella a bolla
Scalpello e mazzuola
Lenza
Listello di legno lungo

Per prima cosa, durante l’applicazione dei mattoni forati, dovrai raschiare leggermente i corsi già posati con il fianco della cazzuola, in modo da asportare la malta fuoriuscita dalle commessure. A questo punto, controlla, ogni due o tre corsi di mattoni, la planeità del lavoro per mezzo della livella a bolla, appoggiandola su un listello abbastanza lungo.

Una volta eseguita questa operazione, per collegare stabilmente la parete ai muri preesistenti dovrai praticare delle scanalature in questi ultimi in corrispondenza del primo e ultimo mattone di ogni corso. Ora, i mattoni delle estremità dovrai inserirli e murarli nella scanalatura. Tieni presente la sua profondità per tagliare il mattone in modo che le commessure cadano regolarmente.

Una volta eseguita questa operazione, dovrai proseguire nell’innalzamento della tramezza, spostando verso l’alto la lenza tesa tra le due cordicelle in modo che sia sempre davanti al corso da mettere in posa. A questo punto, i mattoni devono sfiorare la lenza senza toccarla, in modo da non spostarla. Ora durante il lavoro, non urtare la parete che potrebbe finire fuori allineamento.

Come Oscurare i Vetri dell’Auto

Desideri oscurare i vetri della tua automobile? Non ti preoccupare, tutto procederà bene se leggi i passi della guida stessa che spiegherà come fare. In questa guida ti fornirò delle nozioni su come operare, ti ricordo però che ci vuole pazienza per finire il lavoro come si deve.

Per oscurare i vetri è necessario comprare una pellicola oscurante. Puliamo accuratamente i vetri della nostra automobile sia esternamente che internamente. Dopo aver fatto questo, prendiamo un secchio d’acqua e bagniamo i vetri esterni su cui si deve mettere la pellicola. A questo punto, appoggiamo la parte frontale della pellicola, mi raccomando non la parte adesiva e ritagliamo la stessa seguendo i contorni del vetro.

Dopo, stendiamo la pellicola stessa scaldandola con il phon. Dopo la stesa, facciamo riposare la pellicola per qualche minuto circa. Mi raccomando di stenderla molto bene nella bombatura del vetro. Tutte le grinze della pellicola devono essere eliminate in questa fase, dato che il phon potrebbe creare delle bolle d’aria all’interno della pellicola.

Dopo avere applicato con cura la pellicola su tutti i cristalli della nostra auto, stacchiamo adesso con molta cura, senza muovere la pellicola, la carta di protezione del lato dell’adesivo. Adesso con una spatola di plastica morbida facciamo aderire la pellicola al vetro un’altra volta. Partiamo nel stenderla dalla parte centrale verso il bordo della pellicola. Infine, solleviamo leggermente i bordi delle guarnizioni in gomma, e inseriamo sotto le stesse la pellicola. A lavoro finito, vediamo se vi sono imperfezioni.